Leggi tutte le news
Risultati Gara 1 Amatori Base
06/07/2014

Trofeo Italiano Amatori 2014

www.trofeoitalianoamatori.it

 

COMUNICATO STAMPA

GARE SABATO
 
CLASSE 1000 BASE – Il recupero della prova di Misano della 1000 Base regala uno spettacolo di rara intensità prima con una griglia di partenza al completo fino alla casella n. 40 e poi con un entusiasmante finale a sorpresa. Al termine di una rimonta strepitosa si impone infatti il trentaduenne friulano (calabrese di nascita) Gianluca Basile (BMW) con appena mezzo secondo di vantaggio sull’accoppiata veneta formata, nell’ordine, da Timmi Polcan (Honda) ed Elia Sebenico (BMW). I tre, tutti esordienti nelle competizioni, con il vincitore Basile addirittura alla prima gara della sua vita, precedono di pochissimo Marco Saibene (BMW) e la wild card Mauro Fuca (Ducati), particolarmente attivo nelle prime battute. La scivolata al Correntaio, nella tornata iniziale, del leader provvisorio Gabriele Polidori (Honda), e la posizione molto arretrata di Diego Pensalfini (Suzuki) contribuiscono a rivoluzionare la classifica che, in attesa del secondo round del Mugello, vede Sebenico balzare al comando davanti all’amico-rivale Polcan.
La gara è vissuta del duello “a sportellate" (ma estremamente corretto) tra Polcan ed il poleman Sebenico e dell’inarrestabile recupero di Basile, assente per impegni di lavoro al round precedente di Vallelunga. Il “pizzaiolo volante” di Gemona del Friuli, compagno di team di Sebenico e spinto dal manager Andrea Di Vora a disputare la gara toscana, ha stabilito anche il giro più veloce in 2’00”3, tempo mai prima neppure lontanamente sfiorato. Tra le altre rimonte, seguite ad un rocambolesco primo giro con numerosi “dritti”, da sottolineare quelle dell’argentino Crexell (Ducati), da 37° a 13° e dell’abruzzese Di Matteo (Yamaha), da 38° a 14°.

CLASSE 600 BASE –  Gara ricca di colpi di scena, con vittoria finale e meritata del sedicenne milanese Alessio Terziani (Yamaha) che conferma così di essere uno dei piloti in grado di puntare alla conquista del titolo della classe 600 Base.
La gara che recuperava quella annullata a Misano dello scorso aprile, ha visto sin dallo spengersi del semaforo la penalizzazione di 20 secondi del toscano Jacopo Gini (Yamaha) per partenza anticipata che scattando dalla prima fila ha preso subito la testa della corsa davanti a Terziani e al vincitore di Vallelunga Pietro Lausdei (Honda) che partiva dalla pole.
I tre già al termine del primo giro, hanno scavato un abisso nei confronti del gruppo degli inseguitori del quale facevano parte l’abruzzese Alessio Gallucci, il pisano Jonathan Caggiano, il pescarese Alain Pace e l’altoatesina Ilena Faekel, tutti su Yamaha.    
Nonostante la penalizzazione Gini non ha mollato, viaggiando sul tempo del vincitore, tanto che alla fine chiuderà quarto, mentre in testa si è assistito a un serrato duello fra Terziani e Lausdei, con quest’ultimo che anche se per breve tempo è riuscito a guidare la corsa. La svolta a metà gara, con Terziani che passa a condurre e prende un lieve margine su Lausdei, il quale prova a non mollare, ma poi preferisce evitare rischi, anche perché il secondo posto gli garantisce comunque di mantenere la testa della classifica assoluta. Calcoli sbagliati, perché a metà dell’ultimo giro, alla “Scarperia” Lausdei è vittima di una innocua e secondo lui incomprensibile scivolata e così  via libera a Gallucci e Caggiano che completano il podio, anche se con oltre venti secondi di ritardo dal vincitore. Quinto chiude un ottimo Fabio Chiarini (Yamaha) primo degli over 40. Da notare che i primi sei classificati, sono tutti esordienti, a conferma dell’indovinata formula del trofeo. 




                                                                                                                                                             Ufficio Stampa
5 luglio 2014


Rif.:    Diego Mancuso, 347 7593717 – Celso Pallassini, 328 8326609